TUTTE LE NOTIZIE SULLA NUDA PROPRIETÀ

L’investimento intelligente: la nuda proprietà, un guadagno senza rischi

15 Ottobre 2015



I soldi non crescono sugli alberi come nelle favole si sa, ma anche se non possiamo raccoglierli a piacimento come fossero frutti dalle piante c’è un modo per far sì che i soldi lavorino per noi ed è l’investimento nella nuda proprietà.
Sembra un’utopia ma in realtà questo è il metodo per far crescere i proprio guadagni semplicemente aspettando.
Investire nell’acquisto della nuda proprietà
difatti permette all’acquirente di ottenere un guadagno semplicemente lasciando che il passare del tempo aumenti esponenzialmente il valore dell’immobile seguendo l’andamento del mercato immobiliare. 

Il vantaggio successivo è rappresentato anche dall’avanzare dell’eta dell’usufruttuario che, aumentando, apporterà maggior valore all’immobile in caso di rivendita. Pertanto l’acquisto della nuda proprietà rappresenta un investimento che permette di ottenere una doppia rivalutazione dello stesso. 

Il capitale a disposizione per effettuare l’acquisto di una piena proprietà può permettere di far ottenere due nude proprietà diversificando così il rischio d’investimento. 
I vantaggi diretti derivanti dalla scelta d’acquistare una nuda proprietà sono evidenti, ed a questi si aggiungono quelli indiretti derivanti dagli sgravi fiscali. 

A livello legale non differisce dall’acquisto di una proprietà piena però non viene considerata soggetto tassabile, essendo tra l'altro esente dalle imposte che gravano sulla casa perché attribuite all’usufruttuario. 
L’acquisto della nuda proprietà, non generando reddito, non dev’essere inserito nella dichiarazione dei redditi.
Al momento dell’acquisto, a parità di capitale investito, l'importo delle spese di registro da versare sarebbero ridotte in quanto
calcolate solo sulla percentuale di nuda proprietà derivante dalle tabelle prodotte dal Ministero delle Finanze. Questo consentirà così di realizzare già in fase di acquisto un guadagno sotto forma di risparmio immediato. 

Un fattore di rischio elevato quando si decide di investire in un immobile da affittare successivamente, è proprio quello della morosità del locatore e quindi dell’insolvenza del credito. 
Le garanzie fornite dagli ipotetici inquilini sono sempre aleatorie, mentre acquistando una nuda proprietà si ottiene da subito uno sconto sull’importo totale il cui ammontare può essere uguale o superiore a quello di un affitto percepito per svariati anni. 
Infine, come nella piena proprietà, in caso di rivendita dopo 5 anni e un giorno non si pagano tasse sulle plusvalenze.

Ad oggi acquistare una nuda proprietà rappresenta pertanto l’investimento sicuro nei settori immobiliare e finanziario che permette di prevedere il guadagno nel tempo, senza rischi. L’investitore che ha della liquidità può permettersi con questo investimento lungimirante di ottenere da subito i vantaggi economici sopra descritti nella consapevolezza di attuare, inoltre, una manovra welfare sociale che permetterà al venditore di ottenere da subito liquidità spendibile e, come di frequente accade, poter sanare debiti o migliorare il proprio stile di vita. 

Elena Castelli
Leggi la notizia dalla fonte originale

La casa, il cuore degli italiani

09 Ottobre 2015

Il 76,6% delle famiglie italiane vive in una casa di proprietà


La casa per gli italiani è un valore irrinunciabile e lo conferma uno studio condotto dall’Agenzia delle Entrate nel 2012 dal quale emerge che il 76,6% delle famiglie italiane vive in una casa di proprietà, dato che sale addirittura all’82,1% al Sud.

Percepito come un traguardo fondamentale nella realizzazione famigliare e personale, la dimora riveste un ruolo fondamentale nella vita degli italiani come emblema di sicurezza e solidità economica. I sacrifici derivanti dall’acquisto della casa sono però imponenti e spesso le famiglie s’indebitano per moltissimi anni con gli istituti di credito. Ad oggi la crisi economica ha modificato il panorama immobiliare, la possibilità di comprare casa è divenuta appannaggio di pochi e il settore risulta in sofferenza. La casa di proprietà è divenuta un miraggio, complici le banche che non concedono l’apertura dei mutui per mancanza di garanzie del privato legate al lavoro stabile. In questi casi il sostegno economico viene richiesto al nucleo famigliare di genitori e parenti che spesso però sono a loro volta in difficoltà. Si fa di necessità virtù, questo è ciò che spesso si dice quando da una situazione critica emergono possibilità nuove e inaspettate. La crisi ha obbligato la ricerca di soluzioni immediate e una di queste è la vendita o acquisto della nuda proprietà.

La nuda proprietà difatti altro non è che il valore del bene decurtato dell’usufrutto. Vendere la nuda proprietà pertanto significa vendere il titolo di proprietà dell’immobile mantenendo il diritto di continuare a viverci. In tal modo il proprietario non deve traslocare e lasciare libero l’immobile modificando il proprio stile di vita, abitudini e luoghi come nella vendita propriamente detta, bensì può continuare a godere del bene incassando immediatamente la liquidità derivante dalla vendita.

Questa formula ha il duplice vantaggio quindi di non modificare la vita del venditore che non deve in questo modo rinunciare alla propria casa e può inoltre ottenere un capitale col quale può aiutare un figlio nell’acquisto a sua volta di una casa, saldare dei debiti o semplicemente avere una qualità di vita superiore. Uno dei vantaggi dell’acquisto della nuda proprietà è il fatto che consente di comprare l’immobile a un prezzomolto vantaggioso, calcolato in base all’età dell’usufruttuario, ed effettuare un investimento nel futuro che sfrutta una doppia rivalutazione dell’immobile: in prima battuta quella legata all’andamento del mercato e, in seguito, quella derivante dall’avanzamento dell’età dell’usufruttuario. Si può vendere anche la nuda proprietà di una seconda casa o di una casa affittata mantenendola tale, continuando quindi a percepire l’affitto e ottenendo in aggiunta il capitale derivante dalla vendita. Ad oggi la nuda proprietà permette agli italiani di continuare a realizzare il sogno di vivere in una casa di proprietà da riempire di ricordi chiudendo fuori dalla porta tutte le grandi difficoltà che solo tra le mura domestiche diventano piccoli problemi.

Elena Castelli


Leggi la notizia dalla fonte originale