TUTTE LE NOTIZIE SULLA NUDA PROPRIETÀ

La felicita' e' una scelta

26 Ottobre 2015

La felicita' e' una scelta

I vantaggi legati alla vendita della nuda proprieta'


Il fine ultimo dell'uomo e' sempre la felicità, sosteneva Aristotele, si lavora tutta una vita per raggiungere quell’obiettivo e si spera che una volta in pensione si potranno godere i frutti di tanta fatica, ma non è sempre così. 
Ad oggi il tenore di vita legato alle esigenze di un anziano non è supportato dalla pensione e spesso si ricorre alla richiesta di prestiti per sostenere spese straordinarie come per esempio effettuare piccoli interventi, avere una collaboratrice domestica o una badante. 

La dignità del pensionato lo porta il più delle volte a non chiedere aiuto in famiglia e a nascondere le difficoltà quotidiane e le continue rinunce. 
La felicità tanto desiderata rimane una chimera dunque, almeno finché non si scopre la possibilità di vendere la nuda proprietà della propria casa o altro immobile intestato.
La scelta di vendere la nuda proprietà difatti permette di ottenere da subito della liquidità trattenendosi l’usufrutto e mantenendo quindi la possibilità di continuare a viverci. Questa possibilità rappresenta una soluzione definitiva alla mancanza di liquidità senza compromettere lo stile di vita e le abitudini del proprietario. 

Con i soldi derivanti dalla vendita difatti si possono saldare eventuali debiti pregressi o aiutare i figli nel raggiungere i propri obiettivi, siano essi comprare casa oppure avviare un’attività in proprio, ed infine mantenere o elevare il proprio stile di vita.
Trasformare la propria casa in denaro contante senza traslocare è la possibilità offerta dalla vendita della nuda proprietà del proprio immobile. Inoltre è una formula applicabile anche a proprietà in locazione, dalle quali si continuerebbe a percepire l’affitto ottenendo quindi un doppio vantaggio: in primo luogo grazie alla liquidità immediata e poi potendo godere del canone di locazione.

Un altro panorama frequente e’ quello della mancanza di eredi, per cui risulta inutile mantenere bloccato nell’immobile un capitale inutilizzato nell’immediato e senza prospettive di destinarlo in futuro al godimento di terze parti. Si consiglia la vendita della nuda proprietà anche nel caso in cui  in prospettiva l’immobile risulta destinato alla vendita perché gli eredi dispongo già di case di proprietà e non sono intenzionati a sostenere le non esigue spese di mantenimento di ulteriori immobili.
La felicità è una scelta, rappresentata dalla capacità di trovare la giusta soluzione ai problemi, senza compromessi. La vendita della nuda proprietà racchiude in sé la possibilità di esaudire i propri sogni grazie alla disponibilità immediata del capitale derivante dalla vendita. Poter soddisfare i propri bisogni e regalare benessere a sé stessi e alla propria famiglia è la garanzia offerta dalla vendita della nuda proprietà, uno strumento efficace e sicuro.

Elena Castelli
Leggi la notizia dalla fonte originale

La riscoperta della nuda proprietà

26 Ottobre 2015

La riscoperta della nuda proprieta'

Un'operazione che fa scendere il valore della casa fino al 30 per cento ma che consente al proprietario una rendita immediata

di Marina Sogliani


  

Comprar casa a Milano senza nemmeno vederla, via mail, per metterci piede (forse) tra dieci anni o più. È quello che ha fatto il signor Giovanni F., da Agrigento: ingegnere, due figlie piccole. «Hanno già pronto l’appartamento per quando andranno all’università» spiega. Solo che l’appartamento è a 1000 km da Agrigento, in piazzale Abbiategrasso, fermata M2. E al momento è occupato da un usufruttuario 83enne, proprietario dell’immobile fino all’anno scorso. «È stato un investimento sul futuro: è bastato qualche click, l’agenzia mi ha mandato le foto, un bonifico e via». È la nuova frontiera della nuda proprietà immobiliare: la vendita per corrispondenza. Complice internet e il boom che sta vivendo questo mercato anche sotto la Madonnina (vedi il servizio su Corriere Milano del 17 maggio, pagine di Uso e Consumo). Le compravendite di immobili in nuda proprietà - quando il venditore si riserva il diritto di rimanere nell’abitazione “vita natural durante” anche dopo la vendita - sono infatti aumentate del 30,8 per cento a Milano nell’ultimo anno secondo l’associazione Confabitare.

 

Domanda e offerta in crescita

«Domanda e offerta sono cresciute in modo esponenziale negli ultimi anni» conferma Omar Confalonieri di Casanuda.it, portale online dedicato alla nuda proprietà con sede dal 2010 in via A.Maffei (zona Cinque Giornate). «Internet è il canale privilegiato: in questo settore chi compra lo fa per investire, in molti casi non occuperà mai l’immobile. Casi come quello del signor Fragale, in cui l’intera compravendita compresa la firma del contratto e il pagamento avvengono online, fino a poco tempo fa erano impensabili» spiega Confalonieri. E se la nuda proprietà si sdogana su internet, anche le zone di Milano da sempre off-limits per questo tipo di compravendita oggi lo sono un po’ meno. Il centro, l’Area C, perfino i dintorni del Duomo: «Il gap di prezzo tra l’offerta e la domanda si sta assottigliando, i valori proposti dai venditori anche nelle zone più quotate si stanno riallineando con le disponibilità del mercato, quindi anche le aree che fino a poco tempo fa erano tabù per la nuda proprietà sono diventate “permeabili”» spiega Confalonieri. I prossimi passi? «Estirpare il luogo comune che la vendita con riserva di usufrutto abbia una connotazione sociale: conviene a tutti. Ma non è facile farlo capire alla gente incontrandola di persona, a maggior ragione su internet». I clienti come il signor Giovanni, però, sono in aumento presso Casanuda.it. Certo la diffidenza a comprare online – un vestito, un’auto, figurarsi una casa – sarà dura a morire.

Leggi la notizia dalla fonte originale